Tecnica di rilascio dello Skinner  

Per quanto riguarda la natura del processo

nella tecnica di rilascio dello Skinner

 

La natura del processo di rilascio è la modifica.

Il processo segue le leggi: eppure, sembra imprevedibile, illogico e capriccioso. Il cambiamento è un prodotto delle leggi di disorientamento e integrazione sperimentate durante il rilascio. Il disorientamento del sé (confusione) consente l’unione di opposti, di segmenti diversi e disparati di tutto il sé, che è l’integrazione. Questo è il processo che consente il cambiamento. C’è una linea sottile tra essere in corso e non essere in corso. Tuttavia, quando non si è in corso, si è a un milione di miglia di distanza dal processo. Quando non siamo in corso, otteniamo e falliamo. I nostri ego ci sono. Quando siamo in corso, non otteniamo né falliremo: tutto sta accadendo. Gli studenti che stanno imparando a lavorare nel processo raramente sanno intellettualmente cosa sta succedendo loro. Continuano a studiare nella fede, aspettandosi, sapendo intuitivamente che c’è qualcosa da imparare, da vivere. Il processo richiede grande pazienza e perseveranza. Si impara, spesso con difficoltà, a diventare semplicemente disponibili, ad aspettarsi nulla, ad ascoltare la natura in ogni momento, a prendere coscienza, insomma: a testimoniare che il processo sta accadendo. Allo stesso tempo, siamo immersi, assorbiti e coinvolti nell’esperienza del processo. Impariamo a permettere alla natura di svolgersi al suo ritmo; se viene spinta o costretta lungo la strada, non risponderà andando più veloce in quella direzione.

A volte tutto sembra un puzzle in cui nulla si adatta; sembra che non ci sia ordine. Occasionalmente, i pezzi si adattano e intravediamo l’ordine multidirezionale e multidimensionale. L’ego, entusiasta di aver intravisto questo ordine, cerca di ridestarlo invano. Quando siamo in corso, lavoriamo in modo diverso rispetto a quando non siamo in corso. L’ego non è in mezzo quando siamo in corso; per il momento è stato accantonato Il risultato finale (quando lavoriamo nel processo) è che siamo ballati. Un insegnante di tecnica di rilascio Skinner può facilmente vedere quando siamo ballati e quando stiamo ballando noi stessi.

Robert Davidson

Novembre, 1979

Di Alessandra Palma di Cesnola

nata a Firenze, nel 1960.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *