Amnios e le Imperdonate

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Amnios e Imperdonate

 

La danza palpabile e corporea ben rappresenta la specularità madre/nascituro in una rappresentazione luce/ombra davvero emozionante. Accenni di note, sculture-costumi, camei di parole danno vita ad una rivisitazione della nascita in modo vero e inconsueto. Lo sfociare in un dopo di tempo ne completa la metamorfosi in mitici personaggi femminili quali Eva, Medea, Anna Karenina, Shakerazade, Antigone per una completa visione di femminità.

 

La danza dedicata a questo tema ci ha portato a esplorare la vita prenatale, il legame con la madre, il liquido amniotico, la placenta e il momento del venire alla luce, dimensione carica di grande pathos a filo tra la vita e la morte .

La qualità di movimento che si è creata in questa danza fluida e ancestrale ha trovato sviluppo e ispirazione con l’incontro di alcuni oggetti, sculture.

Atmosfere ludiche e ipnotiche sveleranno questa fase creativa della vita, metafora di ogni stato nascente. Da questa prima danza astratta e rarefatta verranno poi alla luce i personaggi delle” Imperdonate” per raccontare attraverso la poesia e la danza la vita di alcune donne del mito.

Testi poetici di Alfonso Lentini e Liliana Ugolini

 

 

Amnios

ideazione  e regia: Alessandra Palma di Cesnola

coreografia e interpreti : Sabina Cesaroni, Chiara Innocenti, Silvia Maggini, Alessandra Palma.

Costumi : Alessandrajane

Disegno Luci:  Lucilla Baroni

Musiche :Giovanni Secci, Alva Noto.

Testi poetici : Alfonso Lentini , Liliana Ugolini.

 

Imperdonate

 

Testi di  Liliana Ugolini

 

Ideazione, interpretazione e coreografia: Sabina Cesaroni, Alessandra Palma di Cesnola

Voci recitanti Rosanna Gentili, Giusi Merli e Sabina Cesaroni

Interpreti : Chiara Innocenti, Sabina Cesaroni, Silvia Maggini, Alessandra Palma

Costumi :Alessandrajane

Disegno luci : Lucilla Baroni

Musiche: Rimsj Korsakov, Paganini, frammenti di musica elettronica di Giovanni Secci, Harmonia ensemble.

 

Di Alessandra Palma di Cesnola

nata a Firenze, nel 1960.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *